Vĺautres, que siatz assemblats (NovÚ de N˛sta Dama dei D˛ms)


Vĺautres, que siatz assemblats au don-don de la campana
Podetz ben vieure en solaš mentre que l'infern s'afana
Siam venguts a sauvament, cantem donc joiosament


L'enfant que n'era promÚs ven per nos sauvar la vida
Es naissut apres de n˛u mes d'una vierja tan polida
Que la planeta d˛u jorn d'ela empronta sa lusor


Per tot caire e canton non si vei que faire festa
Lis uns brandon lo menton, lis autres clinon la testa
Quand non p˛don pus velhar non fan ren que badalhar


Per veire aquel bel garšon fau laissar tota cautela
Car el n'es totjorn amont que fai b˛na sentinela
Non v˛l que ren de malin intre dins son bel jardin





 
Voialtri che vi siete radunati ai rintocchi della campana / Potete ben vivere nella soddisfazione mentre lĺinferno si affanna, / Siamo pervenuti alla salvezza, cantiamo dunque gioiosamente. / Il bambino che ci era stato promesso viene per salvarci la vita. / Eĺ nato dopo nove mesi da una vergine tanto bella / Che la stella del giorno prende da lei la sua luce. / In ogni luogo non si vedono che festeggiamenti. / Gli uni scuotono il mento, gli altri chinano il capo. / Quando non possono pi¨ vegliare non fanno altro che sbadigliare. / Per vedere quel bel bambino bisogna abbandonare ogni malizia, / PoichŔ egli Ŕ sempre lass¨ che fa buona guardia. / Non vuole che nulla di maligno entri nel suo bel giardino.




Lista d'i chanšons